Il complimento più bello? Sofia che mi dice: a me piacciono solo le stelline della mamma!

Ebbene sì: lo ammetto. L’ho fatto, e lo faccio spesso. Mi piace pure! Venerdì pomeriggio ho anche confessato tutto. Una mamma mi ha avvicinato e mi ha chiesto – quasi fosse un segreto di Stato – “Ale, ma è vero? È vero che prepari la pasta in casa?”

“Ebbene sì – faccio io un po’ imbarazzata – è tutto vero”.

Non è che capisca tanto perché la gente si stupisca del fatto, ma tant’è! Cosa ci posso fare?

È pur vero che oggigiorno sono ben poche, a causa del tempo che non è mai abbastanza, le donne che si dilettano a preparare un piatto di tagliatelle con la pasta fatta in casa. ?Eppure, se facciamo i conti, non ci vuole molto tempo per preparare una buona pasta; gli ingredienti infatti si lavorano in 15-20 minuti; 30 minuti è il tempo che la pasta deve stare a riposo, 15 minuti il tempo che serve per stendere la sfoglia e ricavarla. Quindi in 1 ora, il “gioco” è fatto!

Ingredienti:

  • 300 gr di farina di grano tenero tipo OO
  • 3 uova biologiche
  • 1 pizzico di sale
  • olio extravergine d’oliva

per il mio ripieno (ma potete davvero sbizzarrirvi)

  • 200 g di buon prosciutto crudo
  • 150 g di parmigiano reggiano grattuggiato
  • 2/3 cucchiai di ricotta fresca

Preparare la pasta per i ravioli: mettete la farina a fontana, create un buco e rompete le uova all’interno e aggiungete un pizzico di sale. Impastate fino a ottenere una consistenza liscia e compatta; formate una palla, copritela con la pellicola, e lasciatela riposare in frigorifero, mentre preparate il ripieno (per 20-30 minuti).

Preparare il ripieno: con l’aiuto di un robot da cucina, tritate il prosciutto (tagliato a pezzi e pulito del suo grasso), la ricotta e il parmigiano grattuggiato; non serve aggiungere sale perché questo ripieno è già saporito; deve risultare una pasta cremosa e omogenea.

Stendete la pasta sottilmente, aiutandovi con la sfogliatrice (state attente, se è troppo sottile si potrebbe rompere).

Ricavate tante stelline (o usate una formina che vi piace, come per i biscotti) e preparate un bicchiere d’acqua: mettete una piccola porzione di ripieno su una stellina, bagnate le punte di un’altra stellina e sigillate bene il raviolo. Mettete le stelline preparate su un piatto leggermente infarinato.

La cottura: tuffate in abbondante acqua salata i raviolini; aggiungete un cucchiaio d’olio per non farli attaccare fra loro nella pentola e lasciateli cuocere pochi minuti (fino a che non ritornano a galla!). Scolate e condite le stelline semplicemente con olio e una spolverata di grana!

Non ci sono segreti nella mia ricetta! Attenetevi solo alla proporzione tra farina e uova: un uovo ogni 100 gr di farina. Ricordate che la pasta va lavorata almeno per 10 minuti, sbattendola ogni tanto sulla spianatoia per renderla più elastica; poi stendete col mattarello poco impasto per volta, e il restante tenetelo sempre ben coperto con il panno umido. Ricordatevi di infarinare la spianatoia per fare in modo che la pasta non si attacchi.