Da oggi portare il pranzo in ufficio non sarà più un sacrificio perché abbiamo scoperto che anche dietro alle schiscette può nascondersi la vena artistica dello chef!

Partiamo però dal significato della parola “Schiscetta“: il termine nasce a Milano negli anni ‘60, quando gli impiegati mangiavano sul posto di lavoro portandosi “qualcosa” da casa. Mettevano tutto in un contenitore di metallo, spesso “schiacciando” in strati – da qui viene il nome – il risotto giallo e la cotoletta.

Alessandro Vannicelli con il suo libro Schiscetta perfetta ha lanciato un nuovo modo di preparare il pranzo, perché portare la schiscia da casa non è solo un modo per risparmiare, ma anche una filosofia di vita attenta alla qualità, alla quantità e alla tipologia di cibo. Nel libro oltre 100 ricette da ufficio facili e veloci!

Ecco la schiscetta che ho preparato in occasione dell’evento di lancio del libro di Vannicelli: veggie sandwich con insalata di carote e senape.

veggie-sandwich-schiscetta

Per prepararla ho tostato del pane in cassetta, ho affettato le carote a julienne, le ho condite con un po’ di senape e poi ho composto il sandwich mettendo una base di lattuga e completando con le carote. Per chiudere il pasto, due mandarini bio.

Da domani, buona schiscetta a tutti voi!