Settimana scorsa IVS Italia, leader nella distribuzione automatica e distributore esclusivo di Nespresso Professional, ci ha aperto le porte dell’azienda e del loro Nespresso Lab.

IVS Italia, da quaranta anni operativa sul mercato, è oggi il più grande gruppo italiano nel settore della ristorazione automatica, con 140mila distributori automatici che trovi ovunque: dalle scuole agli uffici, alle palestre fino alle metropolitane, stazioni ed aeroporti. In particolare la giornata era dedicata a Nespresso, la parte business, per cui IVS Italia distribuisce prodotti e macchine e servizio , portando esperienze di consumo al cliente professionista.

La scusa era farci conoscere il loro Nespresso Lab. La realtà è stata vivere un’esperienza immersiva nel mondo del caffè Nespresso e provare l’ultima nata in casa Nespresso Business e i suoi caffè.

nespresso lab

Il coffee teller Riccardo Zola ci ha portati per mano attraverso un viaggio nel mondo del caffè, paragonandosi ad un alchimista che crea il caffè perfetto bilanciando tra loro diversi elementi: terroir,  varietà di origine, raccolta, lavorazione, stoccaggio, roasting, macinazione ed estrazione.

I falsi miti sul caffè

Abbiamo imparato tantissime cose sul caffè, sfatando molti miti, tipo che chi vuole svegliarsi per bene al mattino prende sempre un ristretto, mentre ignora che il caffè più è lungo e più contiene caffeina, e quindi sarebbe quello da preferire la mattina presto. Abbiamo imparato anche che un caffè della moka fatto in casa equivale ad almeno 3 o 4 caffè di quelli serviti al bar e che una bustina intera di zucchero in una tazzina dolcifica quanto mezza, e quindi si potrebbe diminuire notevolmente lo zucchero per addolcire il caffè (che comunque andrebbe sempre gustato amaro per assaporarlo al meglio).

La capsula di caffè Nespresso Professional è in alluminio perché è il materiale riciclabile all’infinito e perché è in grado di proteggere la miscela da luce, umidità e ossidazione, e di darci caffè fresco, come appena macinato per ogni tazzina. Nespresso Professional propone 13 miscele + 2 riservate esclusivamente all’alta ristorazione, agli chef stellati. La materia prima delle capsule della linea Professional è la stessa delle capsule ad uso domestico, ma si differenziano per la diversa pressione delle macchine che le erogano.

Una questione spinosa, spesso sollevata dai puristi del caffè, è chiedersi se la macchina professionale non sia limitante. In realtà permette al barista di non dare le spalle al cliente, ma di guardarlo in volto ed intrattenerlo perché la macchina nel frattempo lavora al posto suo e lui ha tutto il tempo di raccontare al cliente la storia del caffè che sta per bere.

Vino e caffè, un paragone importante

Il mondo del caffè e dell’artigianalità si somigliano molto, e infatti IVS Italia ha invitato per la giornata molti ospiti a parlar del loro lavoro per creare dei collegamenti con il loro mondo e quello del caffè. Ad esempio il paragone con il vino è fortissimo, e Marcello Monzio Compagnoni, ci ha raccontato la storia dei suoi 14 ettari di vigneti in Franciacorta.

nespresso lab

Come degustare il caffè?

Il coffee teller ci ha anche guidati attraverso le fasi della degustazione del caffè, che sono tre:

1) visiva- in cui si studiano texture, colore e crema,

2) olfattiva – per cogliere le prime sensazioni, e rompere la crema con il cucchiaino,

3) gustativa assaporare tutti le sensazioni che si sprigionano al palato.

Anche il rapporto con la cucina è strettissimo, sia perché il caffè conclude ogni pasto, sia perché è sempre più usato come ingrediente in cucina e spesso abbinato anche a piatti specifici. Per l’occasione, lo chef Francesco Gotti del ristorante Bobadilla, ci ha proposto un tiramisù salato con manzo marinato al caffè.

Anche con l’artigianalità il rapporto è stretto, con la capacità di cogliere il meglio da ogni elemento con calma e passione come ci ha illustrato Giovanni Pina, di Trescore Balneario, parlandoci del suo panettone artigianale di qualità che nasce in 36 ore di paziente ed accurato lavoro manuale.

nespresso lab

L’ultimo intervento è stato di Fabio Ghiringhelli, wikicoffe a Varese (What I Know Is coffee), appassionato di caffè e convinto che ogni caffè debba avere il suo bicchiere, come un buon vino, e quindi dedica ad ogni tipologia di caffè un bicchiere diverso, come quello da whisky per il caffè lungo, da meditazione che accompagna con dolci speciali, come il caffè al tiramisù che ha preparato per noi.

nespresso lab