È giovane, estroverso, senza peli sulla lingua, sa cucinare e da qualche anno è tra gli chef più popolari del panorama italiano. Sto parlando di Simone Rugiati: qualche giorno fa ho avuto la possibilità di entrare nella sua cucina per una cena preparata sotto i miei occhi e quelli degli altri commensali proprio dallo chef.

Sono arrivata all’appuntamento sotto casa di Simone con non poca curiosità: se è vero che la casa rispecchia la personalità del proprietario, a mio avviso la cucina è la stanza che più di tutte ne esprime il carattere, rivelandone vizi e virtù. Immaginate quindi l’importanza che questo spazio può rivestire nella casa di uno chef, la cui vita ruota appunto attorno ai fornelli!

La cucina che mi ha accolto è, come immaginavo, la perfetta espressione del padrone di casa. Funzionale, accesa nei colori e con tanti dettagli che rivelano i gusti del vulcanico cuoco, moderna nelle linee e nei materiali come tante cucine di giovani trentenni. Diversi i dettagli che denotano la grande importanza della cucina nella casa di Simone Rugiati: il tagliere di legno incassato nel piano di lavoro, l’ampio lavabo, una grande superficie di lavoro (la Silestone ® by Cosentino nei colori Rosso Monza e Doradus) pensata proprio per sfruttare al meglio lo spazio a disposizione e consentire allo chef di sperimentare nuove idee su un piano a prova di esperimenti!

La serata è stata rilassata, informale e – proprio come a una cena tra amici – abbiamo tirato tardi chiacchierando, ascoltando aneddoti e consigli dello chef, mangiando insieme la cena che Simone Rugiati ha preparato per noi. Tra i tanti piatti (di cui potete vedere alcune immagini nella gallery) quello che più mi è piaciuto è il risotto “mojito e scampi”. Non avrei mai pensato che menta e rum potessero sposarsi così bene con un risotto. E invece il risultato è un primo piatto fresco ed estivo, da replicare alla prossima cena in compagnia! Provatelo anche voi e diteci che ne pensate.

 risotto-mojito-scampi

Foto di Teresa Balzano

Risotto Mojito e scampi di Simone Rugiati

Ingredienti per 4 persone:

300 g riso vialone nano

8/12 scampi feschissimi

1 scalogno

7 cl rum bianco

verdure per brodo di scampi

40 g burro

1 lime

Abbondante menta

Sale pepe

Olio extravergine

 

Pulite gli scampi lasciando solamente le code e tenetele in frigorifero.

Fate tostare teste e carapace in una casseruola e aggiungete le verdure tagliate grossolanamente, cuocete per un paio di minuti e sfumate con metà del rum a vostra disposizione e fate cuocere per 30/40 minuti.

Tritate finemente uno scalogno e mettetelo in una risottiera con un filo d’olio e una noce di burro. Aggiungete il riso e fate tostare dolcemente.

Raggiunta la giusta tostatura cominciate ad aggiungere il brodo di scampi, precedentemente filtrato, poco alla volta.

Nel frattempo mettete 2/3 scampi tra due fogli di carta forno e batteteli delicatamente con un batticarne, ripetete l’operazione per ogni porzione di riso che state preparando, e teneteli in frigorifero.

Aggiustate il riso con sale e pepe e a cottura quasi ultimata aggiungete la buccia del lime grattugiato e il rimanente rum.

Toglietelo dal fuoco e aggiungete il burro e abbondante menta spezzata a mano, mantecate energicamente e fate riposare per un paio di minuti.

Servite il riso e ricopritelo con la sfoglia di scampi presa dal frigo, guarnite con qualche foglia di menta e pepe.