Molto spesso sentiamo parlare di alimenti antiossidanti, ma cosa vuol dire esattamente e perché sono importanti per la salute?

Gli antiossidanti sono sostanze chimiche in grado di contrastare l’azione lesiva dei radicali liberi, rallentando il processo di ossidazione e quindi l’invecchiamento cellulare.

Ci sono sostanze antiossidanti che vengono sintetizzate autonomamente dal nostro corpo (come la melatonina), altre invece di origine alimentare che è molto importante assumere quotidianamente come integrazione.

Vediamo quali sono:
– l’acido ascorbico o vitamina C: contenuti in frutta e verdura;
– i tocoferoli, tra i quali la vitamina E: contenuta negli oli vegetali;
– i carotenoidi (come beta-carotene e licopene) e vitamina A: contenuti nella verdura;
– alcuni composti polifenolici (come bioflavonoidi, resvetarolo): contenuti nella frutta e nel vino;
– alcuni oligoelementi (selenio, rame, manganese, zinco) essenziali per il funzionamento dei sistemi enzimatici antiossidanti dell’organismo.

Molti cibi, soprattutto quelli di origine vegetale, contengono centinaia di sostanze con attività antiossidante più o meno marcata. Per cercare di quantificare il potere antiossidante degli alimenti, il dipartimento dell’agricoltura americano ha elaborato una scala ORAC (Oxygen Radicals Absorbance Capacity), basata sulla capacità di assorbimento del radicale ossigeno.

Cinque porzioni di frutta e verdura al giorno apportano circa 5000 unità ORAC, un quantitativo più che sufficiente per proteggersi dai radicali liberi.

Ma quali sono gli alimenti più ricchi di queste sostanze, e quindi in grado di rallentare l’invecchiamento cellulare?

1. Succo di uva nera o vino
Ecco perché un bicchiere di vino rosso al giorno fa bene! Grazie all’elevata concentrazione di resvetarolo, un fenolo contenuto nella buccia dell’acino, il succo d’uva è in assoluto l’alimento con maggiori capacità antiossidanti al mondo.

2. Mirtilli
I frutti rossi sono una categoria di alimenti molto ricchi di antiossidanti, ma i mirtilli lo sono in particolar modo. Appartengono al genere Vaccinum della famiglia delle Ericacee e si dividono in mirtilli neri, blu e rossi. Grazie all’alta concentrazione di antociani e flavonoidi, i mirtilli neri e blu sono sostanze altamente antiossidanti con ottime capacità di rallentare l’invecchiamento cellulare e prevenire la formazione di cellule tumorali. Sono inoltre in grado di rafforzare la struttura e l’elasticità dei vasi sanguigni e, grazie alla loro azione antinfiammatoria e vasodilatatoria, contribuiscono alla buona salute del sistema cardiocircolatorio. Il mirtillo rosso è invece maggiormente indicato per la cura e la prevenzione delle infiammazioni batteriche del tratto urinario, come la cistite.

3. Bacche di Goji
Appartengono alla famiglia delle Solanacee (come il pomodoro, la patata, la melanzana e il peperoncino) e sono originarie delle valli himalayane, della Mongolia, del Tibet e nelle province della Cina dello Xinjiang e del Ningxia. Vengono coltivate da migliaia di anni e sono considerate un elemento essenziale nella medicina tradizionale cinese. La varietà migliore è quella “Xing Dal”, che viene coltivata sugli altipiani della Mongolia in una zona sottoposta ad alti sbalzi termici, su un terreno non contaminato, in modo artigianale e senza l’uso di macchinari. Questo fa sì che le caratteristiche nutritive delle bacche di Goji rimangano il più possibile inalterate. Ma quali sono le sue proprietà? Chiamate anche “il frutto della longevità”, le Gojiberry sono sicuramente famose per le proprietà antiossidanti grazie alla presenza vitamine, minerali, carotenoidi, polisaccaridi e altri costituenti che svolgono un’efficace attività immunostimolante. Inoltre, sono molto consigliate per gli sportivi e per contrastare lo stress grazie alle proprietà energetiche e ricostituenti.

4. Bacche di Acai
La palma sudamericana “Acai” (Euterpe oleracea), conosciuta in Brasile come “albero della vita”, produce questo frutto che viene consumato regolarmente da varie tribù amazzoniche e dai brasiliani in generale. Contiene numerosi antiossidanti: antociani, fenoli, flavonoidi, proantocianidine, Xantoni, Omega 3 , Omega 6 e Omega 9, vitamine A, B1, B2, B3, C e soprattutto vitamina E; sali minerali tra cui calcio, fosforo, ferro e potassio. Le bacche di Acai molte proprietà benefiche per la nostra salute: abbassano il colesterolo cattivo e mantegono alto il livello di colesterolo buono, forniscono una scorta di antiossidanti, rafforzano il sistema immunitario, aiutano a rafforzare la vista, aiutano nei processi digestivi, possono essere utili per chi ha disturbi del sonno e hanno proprietà disintossicanti per il corpo.

5. Curcuma
Viene chiamata anche “lo zafferano delle Indie”. Originaria dell’Asia sud-orientale, è largamente impiegata come spezia, soprattutto nella cucina indiana, medio-orientale e thailandese. È dotata di azioni antinfiammatorie e antiossidanti. Secondo alcune ricerche scientifiche, avrebbe anche un’azione di prevenzione nei confronti di alcuni tumori. La medicina ayurvedica ritiene che la curcuma sia dotata di proprietà medicinali e molti la usano in India come antisettico per tagli, scottature e contusioni.