Lo so, lo so che per un po’ di tempo non volete più sentir parlare di feste, festicciole e relativi spadellamenti, ma, per chi festeggia l’Epifania, una visita da una vecchia signora con bitorzolo sul naso e calza in mano è obbligatoria.

E, se non volete che la suddetta calza sia ripiena di carbone o di schifezze varie – più o meno chimiche -, preparatele da voi le caramelle! Queste hanno quel buon gusto dolce e morbido di mou che, non so perché, mi ricorda tanto quando ero piccola. E tanti auguri a tutte le befane del mondo ; )

Per circa 50 caramelle:

430 g panna fresca;

320 g zucchero;

280 g glucosio;

70 g burro salato;

Termometro da pasticceria

In un pentolino far bollire la panna e allontanare dal fuoco appena bolle. In un’altro pentolino con il fondo spesso, mettere zucchero e glucosio, continuando a mescolare su fuoco molto basso, finché tutto lo zucchero è sciolto. Subito dopo alzare la fiamma, far bollire e cuocere finchè il caramello sarà di un bel colore ambrato, dopodiché aggiungere panna e burro e far cuocere su fiamma media fino a quando il termometro da pasticceria non segna 118° (in alternativa, per una decina di minuti circa).

Intanto preparare lo stampo: andrà bene una terrina rettangolare con i bordi bassi non troppo larga. Imburrare lo stampo, stendere il composto non più alto di 1 cm e poi far raffreddare in frigorifero per almeno 6 ore.

Una volta raffreddato, tagliare le caramelle a quadrotti con un coltello e avvolgere in carta oleata o da forno.

Fonte: Sale e Pepe kids, dicembre 2012

caramelle mou cucchiaiodistelle 1