Scegliere gli ingredienti si sa è cosa assai difficile, non perché questa scelta sia realmente difficoltosa ma perché negl’anni, demandando la nostra alimentazione ad altri, abbiamo disimparato a riconoscere.

Spesso ci affidiamo a qualche commerciante che per qualche euro in più ci rifila prodotti di scarsa qualità, ma questo se fosse capitato a mia nonna o a sua madre avrebbe comportato una scenata il giorno dopo o l’eliminazione totale dalla lista dei fornitori. Demandare ci costa ma forse quello che  più paghiamo è l’incapacità a riconoscere.

Ecco allora qualche consiglio per scegliere gli ingredienti per la vostra cena:

– Per prima cosa occorre fare la spesa utilizzando la testa e non assecondando solamente desideri, comodità e praticità.

– Acuite i sensi, osservate, odorate e senza farvi vedere, tastate. Il fake si riconosce subito,  non perché non sa di buono, ma perché non sa di nulla.

– Cercate di ricordarvi in che mese siete e comprate secondo stagione.

– Se avete un dubbio tra questo o quel pomodoro domandate o se siete troppo timidi acquistate entrambi. A casa scoprirete caratteristiche di uno e dell’altro capendo qual è più adatto per…

– Preferite la bottega, affidandovi alla professionalità di una persona che conoscete per nome. La grande distribuzione è più comoda, veloce e (a volte) più economica, ma allo stesso tempo ha poche varietà, non tiene prodotti di piccoli produttori e vi induce ad un consumo compulsivo.

– Scegliete prodotti poco lavorati. L’insalata pronta oltre ad essere più cara ha un tracollo nel momento in cui viene aperto il sacchetto. Comprando verdure fresche e al dettaglio si riesce ad avere meno spreco e a mantenerle più a lungo.

– Pretendete un gusto. Se la vostra ricotta pare fatta con l’acqua, lamentatevi e segnalatelo al vostro rivenditore. Una buona ricetta è fatta da pochi ingredienti,  per ottenere qualcosa di buono non occorre aggiungere anzi,  occorre togliere.

– Createvi un database del ricordo gustativo, in questo modo la scelta risulterà via via più semplice.

– Il meglio non sta nella raffinatezza ma nella semplicità.

– Ultimo comandamento ma forse il più importante è riferito al prezzo. Ricercare i prodotti sempre più economici non è l’approccio ideale per comprare. Dovremmo essere in grado di dare il giusto valore alle cose pretendendo un prezzo equo. Mai fu più calzante il detto:

           “ Chi più spende meno spende”.